I cittadini statunitensi che hanno in attivo dei debiti fiscali nei confronti dello stato, possono avere gravi difficoltà a lavorare e vivere in Italia, infatti secondo una particolare legge americana, ai cittadini con più di 52 dollari di debiti, può essere revocato il passaporto.

I cittadini americani che vivono in Italia, ma anche in altre località del mondo, se ricevono la lettera dall’agenzia delle entrate statunitense, hanno 90 giorni di tempo per mettersi in contatto con gli uffici amministrativi e impostare un piano di pagamento, altrimenti il loro passaporto può essere revocato.

Un passaporto valido è spesso un requisito necessario per acquisire un visto di lavoro, ottenere un mutuo o aprire un conto bancario all’estero, rendendo la revoca del passaporto un problema serio per i cittadini statunitensi che vivono e lavorano all’estero, come quelli in Italia. Oltre a questo, può anche limitare la loro capacità di viaggiare tra i paesi.

“L’impatto sugli americani d’oltremare è potenzialmente molto più grave che per gli americani nazionali”, ha detto Jonathan Lachowitz, presidente del gruppo di difesa dei cittadini americani all’estero.

L’IRS Passport Revocation ha l’autorità di chiedere al Dipartimento di Stato di negare o revocare i passaporti dei contribuenti con “debito fiscale” superiore ai 52.000 dollari, questo secondo una disposizione del 2015 del Fixing America’s Surface Transportation Act. L’agenzia ha iniziato ad attuare il programma all’inizio del 2018.

Da quella data l’agenzia americana ha inviato quasi 389.000 avvisi di certificazione ai contribuenti. Gli avvisi avvertono le persone che sono state identificate come aventi un sostanziale debito fiscale e che potrebbero affrontare ripercussioni nell’ambito del programma dei passaporti. L’IRS può far negare le domande di passaporto o i rinnovi fino a quando non viene raggiunto accordo per il pagamento..

Il presidente del gruppo di difesa dei cittadini americani all’estero ha detto che si aspetta che un numero sostanziale di cittadini americani espatriati, possano ricevere questa comunicazione poco piacevole, infatti si stima che più di 8 milioni di cittadini statunitensi, esclusi quelli dell’esercito, vivano all’estero.

Alcuni espatriati americani potrebbero anche non sapere di aver contratto questo debito e si presume che l’IRS faccia anche fatica a corrispondere la notifica a chi vive all’estero, tanto che sembra sia stato concesso un tempo maggiore ai 90 giorni per trovare una conciliazione.

Come si accumulano così tanti debiti con il fisco?

Non è difficile per le persone che vivono all’estero accumulare più di 52.000 dollari di debito fiscale. Le regole per gli espatriati sono complicate, rendendo gli errori da parte sia dei contribuenti che dell’IRS comuni, hanno detto i professionisti.

Debito tasse Stati Uniti

Gli espatriati statunitensi sono tenuti a presentare le tasse statunitensi e a segnalare il loro reddito anche se sono residenti permanenti o cittadini di un paese straniero. Ci sono alcuni benefici e regole speciali che possono essere applicate per ridurre la doppia imposizione. Sono anche obbligati a segnalare i loro beni stranieri.

Da parte dell’IRS, non è raro che i dipendenti dell’agenzia giungano a conclusioni diverse su due situazioni separate con fatti molto simili, il che significa che i contribuenti finiscono per dover passare attraverso il processo di appello per ottenere chiarimenti.

Ci sono anche individui che hanno avuto un problema reale, ma non sono particolarmente preoccupati di affrontarlo dato che non vivono più negli Stati Uniti. Anche se quando si affronta il problema, la quantità di sanzioni e interessi che si sono accumulati nel tempo può essere molto importante.

Il debito fiscale può crescere particolarmente velocemente in situazioni in cui gli espatriati non presentano alcuna dichiarazione. In queste situazioni, l’IRS presenterà una dichiarazione sostitutiva per il contribuente che calcola il conto delle tasse della persona sulla base del “peggior scenario”. L’agenzia non prenderà in considerazione deduzioni ed esenzioni a cui il contribuente potrebbe avere diritto.

Cosa c’è in gioco?

Il programma di revoca del passaporto sta avendo l’effetto desiderato, nel senso che i contribuenti internazionali, che potrebbero non aver avuto abbastanza incentivi a farsi avanti prima per saldare con l’IRS, ora non hanno altra scelta che prestare attenzione.

Revoca passaporto

Allo stesso tempo, l’agenzia dovrebbe considerare un’eccezione di difficoltà per gli espatriati perché le conseguenze possono essere importanti, soprattutto nei casi in cui il passaporto americano è l’unico passaporto in loro possesso.

Per un americano d’oltreoceano, un passaporto americano valido è spesso l’unico mezzo di identificazione valido per stabilire o mantenere la residenza nella città di residenza e di lavoro di quella persona; aprire un conto bancario; ottenere un mutuo o un altro prestito; iscriversi all’università; ottenere una licenza di matrimonio, ecc., ha detto l’Associazione degli americani residenti all’estero in un documento di posizione del 2019.

Le persone che vivono negli Stati Uniti hanno meno di cui preoccuparsi, a meno che non viaggino spesso all’estero per lavoro.

La maggior parte degli americani non ha ancora il passaporto, anche se il numero di coloro che ce l’hanno è cresciuto notevolmente negli ultimi decenni. Nel 2018, 137,6 milioni, o circa il 40%, di americani avevano passaporti validi, secondo i dati del Dipartimento di Stato.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.