Siamo entrati letteralmente nel pieno dell’estate italiana. La settimana nella quale, oltre il 60% degli italiani ha iniziato le tanto agognate ferie e si mette in viaggio verso mete più o meno esotiche.

A conferma di questo “spostamento” di massa, non vi sono solo le prenotazioni nelle strutture ricettive nelle località turistiche, che registrano il tutto esaurito; ma anche il bollino nero nelle autostrade, prese d’assalto da auto, moto e camper.

Vacanze italiane

In questo grande esodo estivo, una delle più legittime preoccupazioni del viaggiatore, è quella di non trovare posto nell’albergo dove era stata effettuata la prenotazione. Questo problema si chiama overbooking, in poche parole, la struttura ricettiva vende più posti letto di quanti ne ha a disposizione per quel determinato periodo.

Questo tipo di fenomeno può verificarsi per un errore di gestione delle prenotazioni, oppure volontariamente. In questa seconda ipotesi, l’albergatore vende più posti letto di quanti ne ha a disposizione, perché è certo (in alcuni casi sbaglia), che più di una prenotazione viene annullata all’ultimo minuto, oppure che qualcuno non si presenti.

Invece nel primo caso, l’errore nella gestione delle prenotazioni, si verifica quando la struttura ricettiva vende la stessa camera, per lo stesso periodo, in due canali differenti. Questi canali possono essere, a titolo d’esempio, il sito internet dell’hotel e una piattaforma come Booking.com.

Per evitare questi errori, sono nati software come channel manager booking, che consentono di gestire efficacemente le prenotazioni sui diversi canali di vendita. Per farlo, potrebbe permettere alla struttura ricettiva di assegnare camere differenti nei diversi canali di vendita, oppure di togliere la disponibilità (per quel determinato periodo) da tutti i canali, quando una camera viene prenotata.

Ovviamente questo è un aspetto puramente tecnico, ma dal mio punto di vista una struttura non dovrebbe più commettere certi errori così grossolani, soprattutto al giorno d’oggi, che la tecnologia offre un grande aiuto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.